Peeling Chimico PDF Print Email

Miglioramento del tono e dell’elasticità della cute del viso, rimuovendo gli strati più superficiali dell’epidermide tramite l’impiego di  sostanze chimiche.

Il peeling è una metodica che impiega sostanze chimiche per migliorare l’aspetto dei tessuti del viso, rimuovendo gli strati più superficiali dell’epidermide; non sostituisce un intervento chirurgico e non rallenta l’invecchiamento cutaneo.

Possono essere utilizzate sostanze diverse: gli alfa-idrossi-acidi (AHA), l’acido tricloracetico (TCA) ed il fenolo.

Gli alfa-idrossi-acidi, come l’acido glicolico sono fra i più leggeri e consentono un peeling superficiale per trattare rughe sottili e lievi pigmentazioni. Possono essere usati anche a casa in forma di creme o gel per continuare l’effetto esfoliante. Dopo il trattamento, è importante non esporsi ai raggi ultravioletti (niente sole, né lampade) per almeno 1 mese.

L’acido tricloracetico può essere utilizzato in varie concentrazioni ma per lo più si utilizza a percentuali del 25%-35% per ottenere un peeling intermedio per contrastare più efficacemente macchie e rughe superficiali e per migliorare le cicatrici post-acne. Dopo il trattamento, necessita di una convalescenza di almeno 7-14 giorni, durante i quali la vita di relazione è limitata dallo sgradevole effetto del viso. La pelle si scurisce, si gonfia e si desquama, raggiungendo di solito le condizioni peggiori due giorni dopo il trattamento, per poi migliorare gradualmente perdendo l’arrossamento nei successivi 10-12 giorni. Non bisogna esporsi ai raggi ultravioletti (niente sole, né lampade) per almeno 2 mesi.

Il fenolo è la sostanza più forte, più efficace, ma anche la meno usata in quanto a dei tempi di recupero molto lunghi e può avere effetti tossici sull’organismo.

Le complicazioni per quanto riguarda l’utilizzo di peeling chimici sono rarissime; è comunque normale che l’area trattata assuma un aspetto rosato o decisamente rossastro a seconda della profondità dell’esfoliazione, che normalmente persiste per pochi giorni, ma in alcuni casi può durare anche alcuni mesi. L’arrossamento tende a risolversi utilizzando nella parte trattata una buone crema idratante.

 
Scarica la brochure